Home   
   Chi Siamo   
   Dove Siamo   
   Contatti   
   Links   
   News   
   Tecnologie   
   Attività

Dermatologia Clinica
  Acne
  Verruche
Prevenzione Oncologica
Mappatura nei e tumori
Tricologia
  Test genetico per la calvizie
Medicina Naturale
Radicali Liberi
Trattamenti Antiaging
  Peeling Chimici
  Biorivitalizzazione
  Filler
  Radiofrequenza n.a.
  Terapia Fotodinamica
  Igiene di vita
  Needling
  Veicolazione Transdermica
Radiofrequenze
Terapia Fotodinamica
Fotobiomodulazione LED
Cellulite e adiposità localizzate
Smagliature e Cicatrici
Capillari
Epilazione definitiva
   TRICOLOGIA

 

I capelli rappresentano qualcosa in più di un semplice elemento estetico e rivestono un ruolo importantissimo per il benessere della persona.
Anch’essi come la cute, di cui sono un annesso, costituiscono la proiezione di patologie interne o disagi psicologici. Basti pensare alla alopecia legata alle anemie o alle alterazioni ormonali o dietetiche, a malattie interne come le collagenopatie.
Ma sono altrettanto frequenti anche le alopecie da stress, da disturbi del sonno o scatenate da perdite o dispiaceri, di cui talvolta il paziente non ha ancora acquisito la consapevolezza.

La visita tricologia è quindi un momento importantissimo ed è fondamentale il colloquio col paziente per individuare in quale ambito si debbano ricercare le cause della alopecia.
Quindi viene eseguito un pull test per valutare quanti capelli e da quali zone del cuoio capelluto cadono; con una semplice manovra di “accarezzamento”  si fanno scorrere le dita fra i capelli esercitando una lieve trazione.

Il cuoio capelluto viene poi esaminato con un tricoscopio che ci darà informazioni importantissime: ad esempio su eventuali processi patologici (dermatite seborroica, psoriasi) e sul diametro medio dei capelli (eventuali miniaturizzazioni).

                                                

Successivamente possono essere eseguiti lo wash test  (che consiste nella analisi quantitativa e qualitativa dei capelli caduti con un lavaggio effettuato con particolari modalità), il tricogramma classico o il tricogramma in luce polarizzata ( si estraggono  alcuni capelli con una pinza emostatica e si osservano al microscopio) che ci daranno informazioni sulla vitalità del cuoio capelluto e sulla quantità e tipologia dei capelli che cadono.

                                 

Per svelare eventuali carenze di minerali o vitamine, alterazioni organiche o ormonali è fondamentale eseguire alcuni esami ematochimici.
Se persistono ancora dubbi circa la causa del diradamento, possiamo ricorrere ad una biopsia: si preleva un piccolo frammento di cuoio capelluto e lo si esamina al microscopio.
E’ indispensabile raccogliere una documentazione fotografica onde poter monitorizzare l’evoluzione della alopecia e l’efficacia del nostro intervento.

Dopo aver identificato il tipo di alopecia presentato da quel soggetto, viene scelta la terapia, costruita per ciascun paziente come un “abito su misura”.
Abitualmente vengono utilizzate lozioni galeniche preparate dal farmacista di fiducia, contenenti sostanze seboregolatrici, antiandrogene, stimolanti la crescita o regolarizzanti il ciclo del capello.
Somministreremo  per via orale vitamine, fitoterapici (sostanze naturali ad azione farmacologia), integratori selezionati in base alle specifiche carenze o sostanze antiandrogene come finasteride, estroprogestinici.

In alcuni casi si può eseguire una stimolazione del cuoio capelluto con crioterapia o mesoterapia, iniettando localmente i principi attivi. Recentemente sono state utilizzate anche in tricologia apparecchiature medicali a LED (Light Emitting Diode) che generano il processo detto Fotobiomodulazione. L’applicazione dell’energia dei LED sul cuoio capelluto stimola la ricrescita dei capelli determinando il miglioramento di numerosi quadri di calvizie: aumenta il diametro del fusto e la densità dei capelli. Inoltre svolge azione anti-infiammatoria sul cuoio capelluto contrastando alcune forme di dermatite. Il trattamento con LED è particolarmente utile in associazione ai trapianti e alle iniezioni di PRP (plasma ricco di piastrine).
Ove necessario si ricorre al Chirurgo Tricologo per il rinfoltimento delle zone diradate.
Fra le varie tecniche, la più recente è l’autotrapianto: vengono prelevati capelli sani e forti da una zona donatrice in sede occipitale e impiantati nelle aree carenti con una tecnica molto sofisticata onde poter garantire un risultato duraturo e di estrema naturalezza.
Anche dopo il trattamento chirurgico  è opportuno continuare a curare il cuoio capelluto con una terapia adatta, per mantenere la salute e la vitalità sia dei capelli preesistenti sia di quelli trapiantati.

Un contributo importante per diagnosticare precocemente  l’alopecia androgenetica sia nell’uomo che nella donna è dato dal TEST GENETICO, che è stato introdotto recentemente.
L'obiettivo del test è identificare l'Alopecia Androgenetica prima dell'inizio dei sintomi, permettendo una diagnosi precoce quando ancora l’alopecia non è clinicamente evidente. In questo modo il trattamento può iniziare al più presto quando sono maggiori le possibilità di riuscita e prima che siano state compromesse le unità follicolari.
Per eseguire il test si effettua un prelievo di DNA dalla bocca, sfregando delicatamente un tampone contro l’interno della guancia. Il materiale prelevato viene quindi inviato al laboratorio che fornirà il risultato dopo circa un mese.

 

PER APPROFONDIMENTI VISITA WWW.TRICOLOGIAFIRENZE.IT

 

Dermatologica di Fiorella Bini - Copyright 2017